Macfrut 2023: presente anche il CAT

Rilanciare il comparto: questo l'obiettivo del Consorzio Agrumicoltori Tarantini presente con una delegazione all'evento riminese

da uvadatavoladmin
CAT-Consozio-Agrumicoltori-Taranti-al-Macfruit-Rimini-2023

Una delegazione del CAT Consorzio Agrumicoltori Tarantini, guidata dalla Presidente Daniela Barreca, ha partecipato a Rimini a MacFrut allestendo uno spazio nello stand della Regione Puglia.

Si tratta della prima “uscita” ufficiale della nuova governance del CAT che ha eletto il consiglio di amministrazione tre settimane addietro.

Coinvolgendo un crescente numero di aziende italiane ed estere, Macfrut è l’evento di riferimento per i professionisti del settore ortofrutticolo in Italia e all’estero, manifestazione che, organizzando molteplici iniziative per l’innovazione e l’internazionalizzazione, rappresenta un appuntamento chiave per operatori e buyer.

Nelle tre giornate di Macfrut moltissimi produttori e imprese di commercializzazione hanno mostrato interesse per il rinnovato progetto del CAT Consorzio Agrumicoltori Tarantini, confrontandosi anche sulle evoluzioni dei disciplinari agronomici delle produzioni tipiche dell’areale del CAT.

CAT Consorzio Agrumicoltori Taranti Macfruit Rimini

Tra gli altri allo stand del CAT si è soffermato anche il Ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, che ha mostrato apprezzamento per il progetto del Consorzio Agrumicoltori Tarantini, ritirando anche la brochure per informarsi meglio su questa produzione pugliese.

Dopo oltre dieci anni di totale inerzia, oggi la nuova governance del CAT Consorzio Agrumicoltori Tarantini intende dare nuovo slancio alle attività di tutela, valorizzazione e promozione delle produzioni agrumicole del territorio pugliese. A partire dalla Clementina del Golfo di Taranto IGP, ma anche all’arancia e ad altri agrumi.

La partecipazione a importanti manifestazioni come Macfrut, da cui il CAT Consorzio Agrumicoltori Tarantini era assente da lustri, rientra in questo nuovo percorso.

L’auspicio è che il territorio voglia finalmente essere coeso nel sostenere questo progetto in grado di rilanciare concretamente il comparto agrumicolo tarantino proponendone le aziende su nuovi e importanti mercati.

Il tempo delle tavole rotonde e degli incontri programmatici, che nessun risultato hanno portato per oltre un decennio, lasciando soli i produttori ad affrontare i problemi, è definitivamente concluso. E la presenza del CAT all’evento riminese ne è un chiaro segnale.

 

Fonte: CAT
© fruitjournal.com

Articoli Correlati