Martedì, 06 Agosto 2019 10:07

    Tradizione e innovazione nel controllo del Philaenus spumarius | prima parte

    Philaenus spumarius (Hemiptera Aphrophoridae, Sputacchina maggiore o dei prati) non è (quasi) mai stato considerato un fitofago dannoso in Europa fino alle evidenze della sua capacità di trasmettere Xylella fastidiosa subsp. Pauca, responsabile del Complesso del Disseccamento Rapido dell’Olivo (CoDiRO).

    La gravità della malattia inflitta da X. fastidiosa agli olivi ed altre piante legnose, ci obbliga oggi a controllare le popolazioni dell’insetto, che può essere considerato il nuovo fitofago chiave dell’olivicoltura. Il controllo razionale richiede di scegliere le strategie, i mezzi, le azioni ed i tempi di esecuzione in funzione della loro massima efficacia. Il controllo del vettore, importante in aree già infette, è cruciale per rallentare o fermare l’invasione in zone non ancora raggiunte dal batterio. Tuttavia, al fine di minimizzare l'impatto sugli organismi non target, si pone la necessità di utilizzare una strategia di gestione integrata basata sulla sinergia di mezzi meccanici/fisici, agronomici e chimici.

     

    Biologia, sviluppo postembrionale e tecniche di campionamento

    P. spumarius sverna allo stadio di uovo. Lo sviluppo postem-brionale inizia a fine febbraio e termina i primi di giugno. Neanidi e ninfe si alimentano prevalentemente su piante erbacee sia spontanee sia coltivate, al riparo di una massa muco-schiumosa da loro stesse prodotta. Da fine aprile e fino a novembre gli adulti si spostano in massa fra diverse piante ospiti di specie erbacee o legnose, purché in vegetazione. Per campionare adulti e stadi giovanili sono state impiegate osservazioni dirette, trappole cromotattiche (meglio che cromotropiche) adesive gialle, retini da sfalcio e aspiratori a bocca, adoperati sulla chioma degli ulivi o sul manto erboso.

    È stata tentata la conta diretta all’interno di unità di campionamento (transetti) collocate in modo casuale nel manto di erbe spontanee, per stimare la popolazione delle ninfe che, convenzionalmente, sono state raccolte in campo e contate in laboratorio, a occhio nudo ovvero con stereomicroscopio, e poi conservate in alcool etilico al 75%.

    Le tecniche di campionamento tradizionali si sono rivelate macchinose e costose in termini di tempo e lavoro. Per questi motivi è stata sperimentata una metodica innovativa dedicata agli stadi preimaginali. In tale campionamento sono state raccolte con un criterio di casualità tutte le piante presenti nel transetto, che sono poi state sottoposte in laboratorio ad un triplo lavaggio in soluzione fisiologica allo scopo di dissolvere gli sputi e distaccare gli insetti. Questi ultimi sono stati prontamente filtrati, per essere accuratamente raccolti vivi. Questa tecnica innovativa, chiamata AquaSamPling (ASP), oltre che ridurre i tempi lavorativi, è risultata essere più efficace del 20-50% in termini di accuratezza rispetto alla convenzionale.

     

    Philaenus spumarius è il vettore capace di trasmettere Xylella fastidiosa, subsp. pauca responsabile del Complesso del Disseccamento Rapido dell’Olivo (CoDiRO).

     

    Mezzi fisici

    Il campionamento degli stadi giovanili serve a programmare l’azione di controllo in corrispondenza del massimo numero di ninfe di quarta-quinta età. Il controllo durante gli stadi giovanili è essenziale per ridurre le popolazioni del vettore prima che questo raggiunga lo stadio adulto, capace di acquisire e trasmettere Xylella fastidiosa.

    A tale scopo, è stata già proposta una lavorazione superfiìciale del terreno molto simile a quella tradizionalmente eseguita contro le erbe spontanee; questa lavorazione se opportunamente cadenzata ed eseguita, causa una mortalità per schiacciamento del 85-90% agli stadi preimmaginali.

    Nel 2017 sono state inoltre provate macchine a vapore (60-90°C) somministrato direttamente con una lancia contro gli stadi giovanili. L’efficacia di queste macchine per il diserbo, la corretta temporizzazione e l’ingegnerizzazione della distribuzione di acqua/vapore al momento della lavorazione superficiale consentirebbero di eseguire un'unica azione di controllo diserbante e insetticida a bassissimi costi energetici, economici e di impatto. In combinazione con il vapore, inoltre, sono in corso alcune sperimentazioni volte a verificare l’efficacia di insetticidi di origine vegetale basati su sali potassici di acidi carbossilici (C14 – C20) (FLiPPER®) e acido pelargonico (acido nonanoico), messo a disposizione dalla società AlphaBio Control Ltd.

     

    Per la seconda parte dell'articolo "Tradizione e innovazione nel controllo del Philaenus spumarius" CLICCA QUI.

    Autori: Picciotti U.1, D’Accolti A.1, Schiavarelli A.1, Gammino R.P.1, Diana F.1, Salerno M.1, Sefa V.2, Russo V.1, Garganese F.1, Diana L.2, Porcelli F12.

    1 CIHEAM IAMB, 70010 Valenzano (BA) - 2 Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, 70126 Bari

    © fruitjournal.com

     

    Sfoglia l'anteprima

    News Ortofrutta

    • Controlli, multe e sequestri. Nel mirino supermercati, bar, pescherie, ortofrutta e panifici  Quotidiano onlineI controlli dei carabinieri forestali del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Agroalimentare Forestale su tutto il territorio.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, cala l'export: appello al Governo  FIRSTonlineFruitimprese denuncia il crollo nei primi sei mesi del 2019. Le aziende investono in sostenibilità. il Conte bis faccia dimenticare i precedenti esecutivi.

      Leggi l'articolo
    • "Ortofrutta del Lazio, la rete che crea valore”: un convegno sulle prospettive della filiera con un occhio all’Europa  LatinaTodaySi parlerà del sistema ortofrutticolo del Lazio e del valore di tale filiera nel convegno in programma per domani, giovedì 19 settembre, a[…]

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • Clima: Salvini, 'dl Costa follia, più tasse per agricoltura'  Il TempoRoma, 20 set. (AdnKronos) - “Più tasse per agricoltori, allevatori e pescatori? Demenziale. Altro che 'decreto clima', quella proposta da Costa è una follia che ...

      Leggi l'articolo
    • Come valorizzare l'agricoltura nei parchi intorno alla città  Nichelino OnlineSabato 28 Settembre presso la maestosa Palazzina di Caccia di Stupinigi, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, nel cuore del Parco Naturale di Stupinigi, ...

      Leggi l'articolo
    • Dl Clima, Coldiretti: “Attacco senza precedenti all’agricoltura più green d’Europa”  Meteo Web“Nella bozza del DL clima c'è paradossalmente anche un attacco senza precedenti all'agricoltura piu' green d'Europa che rischia di mettere fuori mercato il ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12
    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724
    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca