Martedì, 10 Luglio 2018 07:42

    La sharka o vaiolatura delle drupacee

    La Sharka, chiamata anche "vaiolatura delle drupacee“, è la virosi più pericolosa delle drupacee.

    Vengono colpite in prima linea albicocche, prugne, susine e pesche e anche alberi ornamentali e piante selvagge botanicamente imparentati. Questa virosi si è diffusa quasi in tutta l’Europa.

    Diffusione
    La diffusione della malattia può avvenire mediante il materiale di propagazione. Di un elevata importanza però è la diffusione tramite gli afidi fogliari; con gli utensili da taglio invece non è possibile un trasferimento del virus.

    Sintomi
    Dal contagio alla prima comparsa di sintomi possono passare anche anni. I sintomi spesso interessano pochi rami o addirittura poche foglie o frutti e variano in relazione alla suscettibilità varietale o alle condizioni ambientali.

    Foglie: le foglie di albicocco manifestano aree clorotiche sotto forma di lineature sinuose e/o anelli per lo più adiacenti alle nervature secondarie o terziarie. Tali sintomi sono evidenti soprattutto in occasione della ripresa vegetativa quando la temperatura è più fresca e si attenuano fino a scomparire nel corso della stagione calda.

    Le foglie di susino della vegetazione primaverile presentano linee, piccole areole o tacche anuliformi di colore verde chiaro, per lo più adiacenti o localizzate su una nervatura secondaria. Talvolta, in estate, i margini delle aree clorotiche assumono una colorazione rossastra.

    Frutti: Sui frutti i sintomi iniziano a comparire in prossimità della maturazione. La maturazione è irregolare. Si può avere la caduta precoce dei frutti. I frutti colpiti si presentano deformati, con depressioni irregolari o rotondeggianti di colore giallastro in corrispondenza delle quali i tessuti sottostanti divengono spugnosi ed imbruniscono.

    Soprattutto sul nocciolo di albicocche colpite è possibile osservare le tipiche tacche rotondeggianti a contorno ben definito di colore chiaro.

    Difesa
    Una cura di alberi colpiti non è possibile. Per evitare la diffusione è necessario individuare ed estirpare immediatamente tutti i focolai d’infezione. Per evitare l’emissione di polloni è necessario di estirpare l’intera pianta. Un taglio di parte di piante sintomatiche non ha effetto. Il metodo più sicuro per l’estirpazione è l’ uso di un erbicida sistemico che viene messo sul restante tronco. In Italia la Sharka è una delle fitopatologie soggette a denuncia e a lotta è obbligatoria.

    Leggi le disposizioni legislative cliccando qui

     

    Fonte: provincia.bz.it

    Sfoglia l'anteprima

    News Ortofrutta

    • ORTOFRUTTA ITALIA, CAMPAGNA DI PROMOZIONE SUL MELONE  Corriere OrtofrutticoloCon l'affermarsi del bel tempo in tutta la Penisola è nel suo pieno la campagna di promozione a favore dei meloni italiani, che vedrà l'adesione di alcune.

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta packaging-free d'ora in poi da Albert Heijn  Freshplaza.itLa catena olandese Albert Heijn intende utilizzare il 25% in meno di imballaggi entro il 2025, con la percentuale di imballaggi rimanente che dovrà essere ...

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta in crisi, accordo in Basilicata con Spesì  Italiafruit NewsPresso lo stabilimento della catena dei Supermercati Spesì di Policoro, è stato chiuso il primo accordo di filiera tra Coldiretti Basilicata e Spesì per il settore ...

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • Salute e agricoltura: il caso dei problemi dell'esposizione solare per chi lavora nei campi  ArezzoNotizieConvegno all'Auditorium Pieraccini dell'Ospedale San Donato di Arezzo organizzato da Coldiretti Arezzo, Èpaca Toscana e il dipartimento di prevenzione ASL ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura, via libera Consiglio UE al riuso delle acque urbane  EuNewsL'Ue adotta la sua posizione sul regolamento che facilita il riutilizzo idrico a fini di irrigazione dei campi, tramite prescrizioni rigide sulla qualità delle acque ...

      Leggi l'articolo
    • Cesvi in Zimbabwe rivoluziona l'agricoltura con sensori e droni  VitaDal 2001 la ong sta lavorando nel Paese su tre progetti di “agricoltura 2.0” nei distretti di Beitbridge e Mwenzi, etichettati entrambi come “area 5”, ovvero aree ...

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12
    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724
    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca