Venerdì, 03 Novembre 2017 10:42

    Il cotogno biologico parla pugliese

    La valle dell'Ofanto, nei territori di Canosa di Puglia e Barletta, ha sempre fatto parte di uno dei distretti più importanti per la frutticoltura pugliese.

    Nel corso degli anni la frutticoltura dell'Ofanto ha vissuto fortune alterne, ma nell'ultimo decennio ha definitivamente trovato una sua precisa collocazione, allargandosi anche alle limitrofe aree lucane di Lavello.

    Carlo Sannino, fondatore della filiera Fratelli Sannino
    Tra gli attori di questo rilancio vi è la famiglia Sannino di Pollena Trocchia, storici operatori commerciali nel campo delle albicocche vesuviane, che opera in zona da quasi un trentennio e che ha saputo programmare, sviluppare e consolidare una frutticoltura specializzata per la trasformazione industriale.

    Tale specializzazione, con l'accurata scelta delle varietà da impiantare e la vocazionalità delle aree da coltivare, con categorie di prodotto "a lotta integrata", "residuo zero" e "biologico", ha saputo attrarre l'attenzione dei maggiori gruppi agroindustriali italiani e stranieri che si occupano di trasformazione. Riteniamo doveroso sottolineare il fatto che si tratta di una filiera specifica per la frutta da industria e che non si avvale degli scarti di lavorazione del mercato fresco.

    Alla filiera Fratelli Sannino conferiscono frutticoltori che producono su oltre 600 ettari così suddivisi: 200 ettari di albicocco (di cui 50 in Bio), 270 di percoco (di cui 60 in Bio), 10 di susino, 15 di pero, 15 di ciliegio, 60 di melo, 10 di noce e 30 di vite da vino biologica.

    Alle consolidate produzioni di albicocco (con le varietà Baracca, Boccuccia, Cafona, Pellecchiella Pisana Portici e Vitillo), percoco (con la serie Baby Gold, Federica, Romea, Tirrenia e Villa Ada) e mele (Royal Gala, Golden Delicious ed Imperatore Dallago), già da quest'anno hanno iniziato a produrre i primi impianti di ciliegio (varietà Blaze Star, Black Star, Grace Star, Lala Star e Samba), di susino europeo (Stanley) e di pero (William e Conference).

    Tutte le produzioni sono realizzate nel rispetto dei disciplinari di produzione integrata e secondo le norme eco-sostenibili per la difesa fitosanitaria di Puglia e Basilicata, adottando talora criteri più restrittivi.

    La novità 2017 riguarda la produzione dei prime cotogni biologici (melo e pero cotogno) provenienti da impianti che si estendono per 20 ettari e che completano ed arricchiscono la gamma dell'offerta di frutta di qualità prodotta in maniera specifica per l'industria di trasformazione.

    Il cotogno è una specie tradizionalmente presente nell'Italia meridionale ma non solo e costituisce una eredità della dominazione spagnola così come nei paesi dell'America Latina. Il suo utilizzo sta vivendo un nuovo interesse anche a motivo delle proprietà benefiche dei suoi frutti.

    La tracciabilità del prodotto è assicurata fin dal momento della raccolta in campo con l'etichettatura dei bins in relazione a tipologia e destinazione del prodotto, continuando nella fase di condizionamento e trasporto.

    Il centro di stoccaggio dispone di celle per la prima conservazione del prodotto con una capacità di 1500 m3 e di due piattaforme di carico.

    L'assistenza tecnica è assicurata da Agrimeca Grape and Fruit Consulting che, oltre alle visite tecniche di routine settimanali condotte da tecnici specializzati, per precisa volontà del gruppo Sannino promuove anche incontri di qualificazione e formazione per assicurare un aggiornamento continuo ai già provetti frutticoltori conferenti.

    A seguito delle esigenze e prescrizioni tecniche della clientela, che vanta gruppi che trasformano la frutta in marmellate, puree, succhi, cubetti, mezzene, alimenti per l'infanzia, ecc. ogni anno vengono editi delle guide tecniche arricchite da tavole iconografiche e tabelle riassuntive dei prodotti ammessi e delle metodologie d'uso.

    La filiera Sannino, per come è strutturata ed organizzata, rappresenta un esempio positivo di integrazione tra territorio, frutticoltori e mondo della trasformazione e assicura elevati standard qualitativi e totale garanzia sulla tracciabilità delle produzioni, oltre ad una redditività assicurata ai frutticoltori della Valle dell'Ofanto.

     

    Fonte: CS filiera Fratelli Sannino

    Sfoglia le riviste

    News Ortofrutta

    • Francia: Carrefour offre ortofrutta biologica di stagione  Freshplaza.itCarrefour è sempre impegnato nel fornire ai propri clienti le migliori frutta e verdura. Ma, ancora meglio, se i prodotti sono biologici e stagionali. Da settembre ...

      Leggi l'articolo
    • Scanzano, incendiata azienda di ortofrutta: origine dolosa  La Gazzetta del MezzogiornoBruciate a Scanzano Jonico 2000 cassette per la frutta nelle terre di Aldo De Pascalis.

      Leggi l'articolo
    • Tir carico di ortofrutta avvolto dalle fiamme, paura sulla provinciale  LeccePrimaMONTERONI DI LECCE – Il fuoco ha divorato tutto. Cabina, cassone, cassette di legno colme di ortaggi e frutta. L'incendio è stato di tali dimensioni, da tenere ...

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • Ravenna, agricoltura: il 94% è a termine, extracomunitari solo 1 su 4  Corriere RomagnaE' la provincia con la maggiore incidenza di lavoratori del comparto in Emilia Romagna: sono il 18,9% di quelli regionali.

      Leggi l'articolo
    • L'agricoltura molisana langue nel silenzio delle organizzazioni agricole  La Nuova Gazzetta MolisanaL'agricoltura molisana langue. Nel silenzio delle organizzazioni agricole del settore. Né Coldiretti né Cia hanno mostrato reazione al dramma che sta vivendo ...

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura 4.0 scelta in Italia dal 22% delle aziende  Meteo WebNegli ultimi tre anni il 22% delle aziende italiane ha investito in strumenti per l'agricoltura 4.0.

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca