Lunedì, 25 Giugno 2018 16:08

    Frutta estiva: generale flessione per i listini

    La seconda settimana di giugno per le principali drupacee il mercato all'origine è risultato connotato da una generale flessione dei listini.

    Tale andamento da ricondurre sia all'incremento delle disponibilità sia ad un profilo qualitativo che a causa delle avverse condizioni climatiche registrate in settimane non sempre sono risultate adeguate. In rialzo le quotazioni per l'uva da tavola a fronte di una offerta ancora contenuta cui è corrisposta una buona richiesta. Sempre più limitate le disponibilità per pere e mele.

    Fragole: si avvia a  conclusione la  campagna di commercializzazione delle fragole con quotazioni in incremento. L'offerta, sempre più contenuta, è rappresentata dalle ultime quote di prodotto proveniente dagli areali del centro nord della penisola. Le limitate disponibilità immesse sul circuito commerciale, dallo standard qualitativo ancora soddisfacente, hanno trovato agevole collocazione grazie ad una domanda interessata.  

    Albicocche: continua la raccolta delle albicocche con un conseguente aumento dell'offerta sui mercati nazionali e locali. La qualità media del prodotto a causa delle piogge che a macchia di leopardo in settimana hanno colpito parte degli areali produttivi della penisola è risultata in progressivo peggioramento. Si registrano infatti importanti quote di prodotto interessate da cracking dei frutti, marcescenze e problematiche di shelf life. Diversa la situazione nel metapontino dove la raccolta è proseguita regolarmente. Le buone caratteristiche qualitative del prodotto unitamente ad una costante richiesta ha permesso il regolare svolgimento delle vendite sulla base di quotazioni in fisiologica flessione.

    Pesche e Nettarine: sono proseguite negli areali vocati meridionali le operazioni di raccolta del prodotto. In incremento i distacchi nel metapontino dove si continua a registrare un discreto andamento di mercato con quotazioni in ulteriore flessione solo in funzione delle aumentate disponibilità. Si sono intensificate anche negli areali campani le operazioni di raccolta del prodotto. L'offerta che a causa delle avverse condizioni climatiche caratterizzate da piogge e umidità ha presentato problematiche qualitative in termini di conservabilità avviata sui mercati è stata scambiata sulla base di quotazioni cedenti. Di contro un rialzo dei listini è stato osservato nel cosentino a fronte di una offerta contenuta cui è corrisposto l'interesse della domanda. Si è estesa ai primi areali emiliano-romagnoli la raccolta del prodotto. La merce in termini quantitativi è prevista in calo rispetto alle attese mentre  in termini qualitativi al momento i primi stacchi a causa dell'instabile andamento climatico ( piogge e sbalzi termici) non hanno presentato uno standard del tutto adeguato con elevate quote di scarto in fase di lavorazione. I prezzi di esordio si sono attestati su valori superiori a quelli registrati nella precedente campagna.

    Ciliegie: la settimana per le ciliegie si è conclusa con un calo delle quotazioni. Nel polo produttivo modenese l'andamento climatico contraddistinto da insistenti precipitazioni ha influito negativamente sull'aspetto qualitativo del prodotto interessato da problematiche di spaccatura dei frutti e marcescenze. In tale contesto le vendite concluse si sono svolte sulla base di prezzi cedenti. Alle ultime battute la campagna di commercializzazione per il prodotto pugliese per il quale a causa delle avverse condizioni climatiche registrate in settimana sono risultate anch'esse interessate da problemi di ordine qualitativo che ha limitato le vendite. Prosegue la raccolta nell'areale veronese dove un profilo qualitativo adeguato unitamente ad una buona richiesta ha permesso il regolare svolgimento delle vendite sulla base di quotazioni in fisiologica flessione.

    Susine: in rialzo i listini per le susine da imputare esclusivamente all'ingresso sui mercati di limitatissimi quantitativi di provenienza modenese. Si sono intensificate nel napoletano le operazioni di raccolta del prodotto con quantitativi in progressivo incremento. La merce che risulta ancora carente in termini di grado brix avviata sui mercati ha continuato a riscuotere scarso interesse da parte della domanda con quotazioni che hanno teso al ribasso.

    Consulta i prezzi cliccando qui 

     

    Fonte: ISMEAMERCATI

    Sfoglia le riviste

    News Ortofrutta

    • Sfuso VS confezionato: in che direzione va l'ortofrutta nella GDO?  FoodwebCala ortofrutta sfusa (-5,5% nel 2018). Nielsen: nessun effetto del costo dei 'biosacchetti'  Eco dalle CittàOrtofrutta in Gdo, Nielsen: alto-acquirenti trainano mercato sfuso -2-  Yahoo FinanzaVisualizza copertura completa su Google News

      Leggi l'articolo
    • Ortofrutta, la spesa annua per famiglia è di 315 euro - Terra & Gusto  Agenzia ANSAono soprattutto famiglie medio grandi che vivono al Nord e nel Centro Italia i consumatori che acquistano quantità sopra la media di prodotti ortofrutticoli freschi ...

      Leggi l'articolo
    • I sacchetti bio non hanno influito negativamente sugli acquisti di ortofrutta  Freshplaza.itUn anno fa era l'argomento all'ordine del giorno, poi tutto si è sgonfiato. L'introduzione dei sacchetti biodegradabili non ha per nulla influito sugli acquisti degli ...

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • Agricoltura, scatta la corsa all’Oscar per i giovani piacentini  Piacenza24Sono quasi 240 le imprese giovanili in agricoltura nel Piacentino (dall'ultimo report di settembre 2018 della Camera di Commercio).

      Leggi l'articolo
    • Regione: nella nuova legge sull'agricoltura via libera ai cimiteri per gli animali da compagnia  SanremoNews.itTra le norme contenute nella nuova Legge regionale sull'agricoltura approvata di recente dal Consiglio del Piemonte c'è l'articolo 21 che prevede la possibilità, ...

      Leggi l'articolo
    • In Italia l'agricoltura più 'rosa' della Ue - Terra & Gusto  Agenzia ANSACon il 32% di donne a gestire le aziende, l'Italia è uno dei paesi dall'agricoltura più rosa in Europa. Lo dicono i dati Eurostat, riferiti all'anno 2016. Il settore[…]

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca