Lunedì, 14 Maggio 2018 10:48

    Opportunità di sviluppo per il biologico lucano

    Da lunedì 14 sino a venerdì 18 maggio un nuovo ciclo di seminari informativi saranno realizzati in varie zone della Basilicata.

    L’iniziativa nasce dalla considerazione che “il biologico” è oramai esploso all’attenzione dei mercati agroalimentari nazionali ed internazionali. Si nota facilmente, infatti, come grandi marchi della distribuzione o di produzione agroalimentare italiana stiano introducendo nei loro scaffali o listini, prodotti alimentari certificati biologici. Nonostante questa crescita, però, non sempre si registra un aumento delle superfici agricole destinate a queste produzioni.

    La soluzione più semplice che spesso viene adottata dai grandi gruppi per soddisfare la crescita della domanda è l’importazione, in Italia e in Europa, di prodotto biologico estero e/o da paesi terzi. Un vero e proprio peccato poiché materie prime e agroalimentari certificati bio potrebbero essere facilmente prodotti nei nostri territori, naturalmente vocati, ed offrire nuove opportunità di sviluppo, idonee per rivitalizzare la nostra economia agricola e meglio salvaguardare i nostri ambienti.

    Clicca qui per consultare la locandina

    In Basilicata l’agricoltura biologica è praticata, dai dati più recenti del Dipartimento Agricoltura, da 2.548 produttori su 103.184,95 ha di Superficie Totale mentre la SAU (Superficie Agricola Utilizzata) è di 66.923,96 ha. I produttori/trasformatori, cioè i produttori che svolgono attività di trasformazione e confezionamento dei loro prodotti (tramite laboratori aziendali o in conto terzi) sono 68 mentre i preparatori esclusivi (solo trasformazione) sono 131.

    In passato abbiamo avuto numeri più elevati di produttori (nel 2005 si sono superati i 5.000). Sicuramente le scelte imprenditoriali di allora erano dettate dagli incentivi che il PSR metteva a disposizione; nelle scelte attuali, invece, è il mercato che influisce maggiormente.

    Le regole e l’organizzazione che bisogna rispettare e detenere adesso, però, sono più complesse! Per questi motivi l’ALSIA propone degli incontri in diverse realtà della Basilicata, rivolti in primo luogo agli agricoltori con aziende già “in conversione biologica” o che intendono avviarla e, in generale, a tutti quanti volessero saperne di più.

     

    Fonte: Alsia

    Sfoglia le riviste

    News Ortofrutta

    • Tartassati dalla TARI: ristoranti, bar, ortofrutta e pescherie i più ...  gonewsTari, Confcommercio: "Disomogeneità nelle tariffe, peso ...  PisaTodayFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Gelate 2017: contributi a Ortofrutta per sostenere i lavoratori  ladigetto.it (Comunicati Stampa)Full coverage

      Leggi l'articolo
    • LA QUALITÀ E LA SICUREZZA SECONDO ALDI: 115 REFERENZE ...  Corriere Ortofrutticolo (Comunicati Stampa)Full coverage

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • L'Oscar dell'agricoltura alla giovane architetto-contadina di Girasole ...  labarbagia.net (Comunicati Stampa)Full coverage

      Leggi l'articolo
    • Coldiretti non ha dubbi: i giovani in Piemonte preferiscono l'agricoltura  TargatoCn.itAgricoltura come riscatto e integrazione, la storia di Jeffery convince ...  AnconaTodayMaltempo Sicilia, Coldiretti: parte la conta dei danni, calamità per l ...  Meteo WebAgricoltura, pomodori sottomarini e aceto di kaki. L'innovazione dei[…]

      Leggi l'articolo
    • Agricoltura: serve informazione contro le false convinzioni  Il FriuliGiovani in agricoltura, l'Anpa si appella alla Regione  Corriere della Calabria (Comunicati Stampa) (Blog)Agricoltura: Zannier, serve informazione contro false convinzioni  Messaggero VenetoFull coverage

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca