Venerdì, 12 Maggio 2017 09:16

    Azienda Galantino (Bisceglie, BT): al via la raccolta delle albicocche

    L'azienda Sorelle Galantino, sita a Bisceglie (BT), con appezzamenti anche nell'agro di Trinitapoli, è un bell'esempio d'imprenditoria rosa. La più grande delle tre sorelle, Katia Galantino, senza esperienza nel settore agricolo, ma con tanto entusiasmo, ha deciso di far fruttare la sua laurea in Economia e Commercio.

    Nella scommessa ha trascinato anche le sorelle minori con le quali ha deciso di rilevare la storica azienda di famiglia. Grazie al tecnico Maurizio Simone e a Giovanni Patruno, responsabile aziendale con alle spalle una carriera quarantennale, le tre sorelle hanno deciso di innovare.

    Tre anni fa hanno spiantato un vigneto di uva Italia ed impiantato varietà innovative di albicocco, come Tsunami, Big Red e Pinkcot e successivamente Banzai. Lo scorso anno attorno al frutteto è stata realizzata una struttura alta che facesse da sostegno ad una rete atta a proteggere le piante.

    Infine, sono stati impiantati tre ettari di Vittoria, con un sistema innovativo: un impianto a semi-Y con una struttura a tendone adattato con putrelle. Presto però arriverà anche l'uva apirena.

    L'azienda conserva ancora oggi gli storici venti ettari di uliveto, con olive sia da olio che da tavola, annullando l'alternanza produttiva.

    Il dottor Maurizio Simone, ha illustrato a Fruit Journal, come procede la raccolta delle albicocche: "Dopo un inverno rigido, che ha pienamente soddisfatto il fabbisogno di freddo di diverse varietà (come Tsunami, Big red, Pinkcot e Banzai), aspettavamo una primavera più mite. Così non è stato. Le fioriture, cominciate in ritardo rispetto allo scorso anno, sono state caratterizzate da un clima instabile con caldi molto forti, anche prima del 21 marzo, e freddi intensi. Il termometro durante la notte è sceso anche sui 4° C. Queste escursioni termiche hanno comportato notevoli rischi sulla fioritura".

    "Gli sbalzi di temperatura - ha spiegato il tecnico - si sono protratti per due mesi, da marzo ad aprile, e hanno conferito a qualche frutto un sapore scalbo e un grado zuccherino basso".

    "La varietà Tsunami, però, ha preservato il suo sapore e i suoi aromi. Presso l'azienda Sorelle Galantino la raccolta di questa varietà è cominciata lunedì 8 maggio e sta proseguendo in modo fluido anche in questi giorni", ha concluso il dottor Simone.

    Di seguito alcune foto scattate in questa settimana.

    Inviaci le tue foto specificando località, nome dell’azienda e varietà a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o su WhatsApp al numero 345-1191456.

     
    Autore: La Redazione

    Copyright: uvadatavola.com

    Sfoglia le riviste

    News Ortofrutta

    • Spostano senza autorizzazione la propria attività di ortofrutta da ...  Pachino NewsFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Mafia, +300% prezzi ortofrutta dal campo alla tavola  Yahoo FinanzaFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Elogio dell'ortofrutta  Rivista StudioFull coverage

      Leggi l'articolo

    News Agricoltura

    • Acque reflue, una risorsa per l'agricoltura. Da Marsala a Catania: i ...  Quotidiano di SiciliaFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Pier Luigi Caria (assessore dell'Agricoltura): «La Regione è pronta a ...  La Provincia del Sulcis IglesienteFull coverage

      Leggi l'articolo
    • Un crollo annunciato per l'agricoltura “Ultra-Sele”  la Città di SalernoFull coverage

      Leggi l'articolo

    © Fruit Communication Srl.
    Tutti i diritti riservati.

    Iscrizione al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n° 723/12 del 22/03/12

    Fruit Communication Srl | Sede legale Via Noicàttaro nc - Rutigliano (BA) | Partita IVA 07969090724

    Alcuni contenuti pubblicati possono essere rielaborati da feed rss forniti pubblicamente da altri siti. Alcune foto potrebbero essere prese dal web e ritenute di dominio pubblico. I proprietari contrari alla pubblicazione possono contattare la redazione scrivendo a info@fruitjournal.com e chiederne la rimozione.

    Cerca